Glucomannano (Amorphophallus konjak)

Info botaniche
Amorphophallus konjak

Denominazione botanica: Amorphophallus konjak - fam. Aracee
Parte usata:
radice tuberosa


Il glucomannano è un polisaccaride di origine vegetale, una fibra alimentare non assimilabile e di apporto calorico praticamente nullo. Si presenta come una polvere granulosa capace di rigonfiare prontamente gelificando in acqua, assorbendone fino a 60 volte il suo peso. Il glucomannano è un derivato della radice di Amorphallus konjak, pianta di origine orientale, dal 400 d.C. usata nella tradizione dietetica giapponese.

Proprietà

Il Glucomannano produce una gelatina nell'intestino che dona un certo senso di sazietà.
Ingerito un'ora prima dei pasti, assorbe grandi quantità d'acqua e forma una gelatina che, oltre a produrre senso di pienezza e sazietà, regolarizza le funzioni intestinali promuovendo i movimenti peristaltici. Per questo va assunto con un abbondante bicchiere d'acqua. Nello stomaco e nell'intestino, inoltre, il glucomannano assolve ad altre importanti funzioni, come quella di assorbire alcune scorie della digestione, oltre a grassi e colesterolo che, inglobati nella massa gelatinosa, vengono eliminati senza essere assorbiti dall'organismo. Grazie alla viscosità che produce nel contenuto gastrointestinale, agisce inoltre da barriera all'assorbimento di zuccheri e nutrienti, fattore questo di notevole importanza nel caso di diete ipocaloriche. Il glucomannano, pur essendo idrolizzato dalla flora batterica intestinale, non è assimilabile e non contribuisce con alcun apporto nutritivo o calorico alla dieta (meno di 1/4 di calorie per grammo), pur espletando tutte le benefiche funzioni di fibra vegetale, di assorbimento dei grassi e del colesterolo e, allo stesso tempo, agendo da ANORESSICO IMPROPRIO (in funzione del senso di pienezza e sazietà che induce), costituisce pertanto un valido aiuto nelle diete

Indicazioni
Il Glucomannano produce una gelatina nell'intestino che dona un certo senso di sazietà.

Bibliografia
Firenzuoli F.: "Un pò robusti o grandi obesi?", Medicina naturale n. 4, 1992
Suglia L.: "Obesità come intossicazione", Erboristeria Domani n.6, 1992
Altre Info
Cerca altre informazioni su google: Glucomannano

il glucomannano si estrae da una pianta Giapponese ed è una fibra, le fibre hanno ruolo benefico nelle diete ipocaloriche, danno una sensazione di sazietà, riducono il tasso di digestione, migliorano il metabolismo dei carboidrati e dei lipidi. La associazione del Glucomannano con la Guar gum, è formulata in modo da aumentare di 60 volte il suo volume iniziale nel tratto gastrointestinale, contrastando anche i fenomeni di stipsi che spesso accompagnano le diete dimagranti. Le fibre sono fondamentali nella prevenzione del cancro dell'intestino. Il Glucomannano è un polisaccaride che può assorbire fino a 100 volte il suo volume in acqua, per formare nello stomaco un gel vegetale neutro, che aiuta a non avere il senso di fame, in modo naturale. Rallenta e diminuisce l'assimilazione dei glucidi, dei lipidi, dei sali biliari. E' inoltre in grado di abbassare il colesterolo. Indicato nelle diete dimagranti, nella obesità, nel diabete, nella ipercolesterolemia, nella stitichezza, come spezza fame ( utile sotto controllo medico anche ai diabetici)
http://www.erboristeriaedaltro.com/BORRI%20COMPR.%20GLUCOMANNANO.html

Konjak è una pianta giapponese molto utilizzata nella cucina di questo paese come gelificante. Si estrae dalla sua radice che può assorbire più di 100 volte il suo volume d'acqua, per formare nello stomaco un gel vegetale neutro, il quale aiuterà ad evitare il senso di fame in modo naturale danto un'impressione di sazietà. Rallenta e diminuisce l'assimilazione dei glucidi, dei lipidi e dei sali biliari, sostanze queste ultime che l'organismo produce partendo dal colesterolo. Da qui l'azione benefica del Glucomannano sull'abbassamento del tasso di colesterolo nel sangue.
http://www.naturdieta.it/prodotti/fitoterapici/prodotti/glucomannano.htm

Glucomannano viene utilizzato nelle diete dimagranti grazie alla sua caratteristica capacità di ridurre la fame. Infatti, ingerito un'ora prima dei pasti, é in grado di assorbire grandi quantità d'acqua formando una gelatina che produce senso di pienezza e sazietà. L' estratto di glucomannano si presenta come una polvere granulosa che rigonfia gelificando in acqua, assorbendone fino a 60 volte il suo peso.
http://www.erbe-officinali.com/glucomannano.html

Il fitocomplesso è costituito dalla radice di Amorphophallus Konjac Koch (fam. Araceae), pianta ampiamente coltivata in Giappone, la cui caratteristica è quella di contenere un polisaccaride, non assimilabile dall'organismo umano, che ha la capacità di assorbire un'alta quantità di liquidi, aumentando enormemente il suo volume e trasformandosi in una mucillagine, che si amalgama al bolo alimentare durante la digestione, formando un rivestimento non digeribile capace di inglobare sia gli zuccheri che i grassi, diminuendone così l'assimilazione. Proprietà

L'azione del Glucomannano è quindi meccanica e non farmacologica; essa si può riassumere nel modo seguente: - Rigonfiandosi nello stomaco riduce lo stimolo della fame, dando una sensazione di sazietà.
- Durante il transito intestinale, oltre all'acqua, assorbe i grassi, il colesterolo e gli zuccheri, diminuendo così la loro assimilazione.
- Nell'intestino crasso assorbe la flora dannosa e, con l'aumento di volume delle feci provoca la peristalsi favorendo l'evacuazione.

Indicato come coadiuvante nel trattamento del sovrappeso e dell'obesità, nelle malattie metaboliche come l'ipercolesterolemia, l'iperlipidemia, l'iperglicemia (diabete non insulino-dipendente); migliora la funzionalità intestinale. È adatto anche nell'obesità infantile e in gravidanza, in quanto non ha effetti collaterali e non influenza significativamente l'assorbimento intestinale di minerali ed oligoelementi. Attenzione perchè il glucomannano può ridurre l'assorbimento di farmaci somministrati contemporaneamente; pertanto si consiglia la loro assunzione mezz'ora prima o due ore dopo il glucomannano.
http://www.ciemme-pts.it/olistica/fitoterapia/glucomannano.htm

Il glucomannano è costituito da molecole di glucosio e mannosio con legami 1-4; questo spiega le sue caratteristiche fisico-chimiche abbastanza uniche. Esso è solubile in acqua (a differenza della cellulosa) e ne può assorbire fino a 100 volte il suo peso. Il glucomannano agisce come fibra dietetica solubile, che aumenta la viscosità, il volume e l'umidità del bolo alimentare durante la digestione. Il cibo si mescola al gel per formare una massa liscia e molle che scorre facilmente nel tratto intestinale. Il glucomannano forma un rivestimento non digeribile attorno alle particelle di cibo e pertanto gli alimenti sono digeriti più lentamente. Infatti, il gel rallenta l'azione degli enzimi della digestione, la liberazione degli zuccheri e dei grassi. Inoltre, esso riduce l' assorbimento intestinale del colesterolo e degli acidi grassi. L'assorbimento rallentato del cibo fa sì che siano evitati forti picchi di concentrazione di glucosio nel sangue e quindi una minore richiesta di insulina. Questo meccanismo è desiderabile in caso di diabete e sovrappeso.
http://www.labottegadiviola.it/erb_glucomannano.htm

Glucomannano: fibra vegetale, ricavata dalla radice del konjak, agisce in sinergia con il Chitosano, potenziandone l'efficacia. Il Glucomannano inoltre, se ingerito con acqua, si rigonfia nell'intestino creando un senso di sazietà
http://www.dieteticifrau.it/chitosan.htm

EFFETTI POSITIVI Non abbiamo trovato revisioni sistematiche. Uno studio randomizzato (168 soggetti con malattia diverticolare non complicata) ha confrontato una dieta con supplemento di fibre (glucomannano 2 g al giorno) più rifaximina somministrata per bocca (400 mg 2 volte al giorno) con una dieta con supplemento di fibre (glucomannano 2 g al giorno) più placebo. Entrambi i trattamenti sono stati somministrati per 7 giorni al mese per un anno (vedi commento).[17] Dopo 12 mesi la rifaximina, rispetto al placebo, ha incrementato il numero di soggetti che non lamentavano sintomi o lamentavano solo sintomi minori (69% con rifaximina vs 39% con placebo, P=0,001; risultati presentati solo graficamente, dati numerici assoluti non riportati). Lo studio non ha trovato alcuna differenza significativa negli effetti su diarrea, tenesmo o dolore addominale ai quadranti superiori (dati assoluti e test di significatività non riportati). http://www.diegori.it/InternetMedico/ArticoliMedici/....