Fucus vesiculosus e obesità

Info botaniche
Fucus vesiculosus

Denominazione botanica: Fucus vesiculosus L. - fam. Fucacee
Parti usate:
tallo
Sinonimi: Fuco F.U.I. IX, fuca, quercia marina, kelp, alga marina, etiope vegetabile, varech
Nomi stranieri: ingl. - Bladder-wrack, Ser-wrach, Bladder fucus, Kelpware, Black tang, Cut-weed, Sea-oak; fr. - Varec vesiculeux; ted. - Blasentang, Meertang; sp. - Sargaso vejigosa, Encina marina, Corbela

Nei paesi che si affacciano sull'Atlantico, il Fucus veniva frequentemente usato nell'ipotiroidismo con gozzo, nell'obesità , nelle "scrofole" della pelle e nelle adenopatie, era considerato il rimedio principe nelle costituzioni "pletoriche".

Proprietà

Un' alga nel trattamento della cellulite e nel controllo del peso corporeo
Lo iodio, contenuto nel Fucus sia in forma inorganica che legato a proteine, viene assorbito con facilità dall'organismo e va a concentrarsi nella tiroide dove viene incorporato negli ormoni tiroidei tiroxina e triiodotironina. Questi stimolano a loro volta il metabolismo basale, accelerano il ricambio e pertanto esplicano un'azione dimagrante.Anche l'arsenico, contenuto in tracce, può determinare un rallentamento del normale flusso energetico mobilitando vie alternative di liberazione di energia.Le mucillagini (mucopolisaccaridi) possiedono attività immunomodulatrice inducendo la trasformazione dei linfociti.I metaboliti dei composti solforati agiscono principalmente come mucolitici inoltre esplicano un'azione diuretica sinergizzata dai composti polifenolici che unitamente alla stimolazione tiroidea dovuta allo iodio si manifestano con un'attivita anticellulitica.I floroglucinoli e i polifenoli hanno mostrato possedere attività antibiotiche.

Indicazioni
Un' alga nel trattamento della cellulite e nel controllo del peso corporeo

Bibliografia
Pedretti M.: L'erborista moderno,Studio Edizioni, Milano, 1980
Glombitza K.W. et al
.: Planta Med. 32,33, 1977
Curro F. et al
.: Arch. Med. Intern 28, 19, 1976
Altre Info
Cerca altre informazioni su google: Fucus

I principi attivi con maggiore attività farmacologica presenti nell’Alga Marina sono: gli Alginati e lo Iodio. Gli Alginati hanno la proprietà di formare gel viscosi che proteggono la mucosa dello stomaco e ne riducono la secrezione acida, documentata è anche l’efficacia contro il reflusso gastro-esofageo. Alcuni autori sostengono che gli Alginati, rigonfiandosi nello stomaco, possono provocare senso di sazietà e una diminuzione dell’assorbimento dei grassi. Lo Iodio ha un effetto molto complesso sulla tiroide; in dosi fisiologiche e in soggetti affetti da ipotiroidismo può stimolarne il funzionamento, mentre ha dosi più elevate potrebbe causare un effetto opposto. L’aumentata funzionalità tiroidea può portare ad un aumento del metabolismo basale con un conseguente incremento della metabolizzazione dei grassi.
http://www.salvelocs.it/fucus.htm

INDICAZIONI, FUCUS vesciculus, Alga della famiglia delle Fucacee, è indicata come starter nelle diete dimagranti, nella cellulite, nella obesità, nella stitichezza, nell'ipotiroidismo, è una pianta depurativa e tonificante del metabolismo, favorisce la funzionalità tiroidea e stimola il ricambio in generale, regolarizza il metabolismo dei grassi, indicata anche in chi a causa della ipofunzionalità tiroidea si senta fiacco, alla persona freddolosa ed abbia ritenzione idrosalina.Gli Alginati hanno la proprietà di formare gel viscosi che proteggono la mucosa dello stomaco e ne riducono la secrezione acida, documentata è anche l’efficacia contro il reflusso gastro-esofageo. Alcuni autori sostengono che gli Alginati, rigonfiandosi nello stomaco, possono provocare senso di sazietà e una diminuzione dell’assorbimento dei grassi
PRINCIPI ATTIVI, contiene iodio inorganico e proteico, carboidrati, carotenoidi, bromofenoli, acido ascorbico, sali minerali, contiene alginato di sodio che aiuta a prevenire l'assorbimento dei radionuclidi quali lo stronzio 90 che si sviluppa in seguito alle esplosioni nucleari, previene l'assorbimento dei metalli pesanti.
http://www.erboristeriaedaltro.com/BORRI%20COMPR.%20FUCUS.html

Il Fucus vesiculosus (detto anche Alga bruna) ?soprattutto noto ed utilizzato per il suo contenuto in iodio, sia libero sia organicamente legato a proteine. Altri componenti del Fucus vesiculosus sono dei mucopolisaccaridi: principalmente acido alginico, oltre a fucoidano (polisaccaride solfato identificato negli anni '70, dotato di interessanti attivit ?biologiche) e laminarina; una serie di composti polifenolici , tra cui floroglucinolo e suoi derivati di struttura polimerica (di, tri-e tetrameri del floroglucinolo), fenilfloroglucinolo, fucoli, florotannini floroglucinolici, etc.; steroli, fra i quali il fucosterolo; il tetraterpene fucoxantina; lipidi polari quali galattolipidi,digliceridi solfati, mono-e poliesteri glicosilsolfati; pirenoidi; fino al15 % di sali minerali e oligoelementi.
http://www.naturalmanbb.com/integrazione/art3_int.html

Attività farmacologiche
I principi attivi con maggiore attività farmacologica presenti nell?Alga Marina sono: gli Alginati e lo Iodio. Gli Alginati hanno la proprietà di formare gel viscosi che proteggono la mucosa dello stomaco e ne riducono la secrezione acida, documentata è anche l?efficacia contro il reflusso gastro-esofageo. Alcuni autori sostengono che gli Alginati, rigonfiandosi nello stomaco, possono provocare senso di sazietà e una diminuzione dell?assorbimento dei grassi.
Lo Iodio ha un effetto molto complesso sulla tiroide; in dosi fisiologiche e in soggetti affetti da ipotiroidismo può stimolarne il funzionamento, mentre ha dosi più elevate potrebbe causare un effetto opposto. L?aumentata funzionalità tiroidea può portare ad un aumento del metabolismo basale con un conseguente incremento della metabolizzazione dei grassi.
http://www.vitadidonna.it/farmacia_00000a.html

Il fucus è un'alga delle Fucacee che vive nei mari temperato-freddi. Ha un disco basale, a ventosa, che serve per fissarsi alle rocce, protendendosi verso la superficie con aerocisti piene d'azoto, collocate alle estremità delle fronde. Ha tallo di 20 cm, verde e biforcato. La specie Fucus vesciculosus (quercia marina) viene utilizzata in erboristeria per preparare dimagranti; la presunta efficacia deriverebbe dallo iodio contenuto nell'alga (presenza già scoperta da B. Courtois ai primi dell'800) che stimolerebbe la tiroide, normalizzando il metabolismo dei soggetti in cui l'obesità deriva da una disfunzione tiroidea (comunque una piccola percentuale della popolazione sovrappeso). Il fucus contiene anche l'acido alginico che può assorbire una quantità d'acqua pari a cento volte il suo peso (da qui l'impiego anticellulite).
http://www.albanesi.it/Alimentazione/garcinia.htm

L'alga Fucus, chiamata anche quercia marina o alga bruna é ricca in Iodio; un elemento facilmente assorbibile dall'organismo umano, si concentra nella tiroide (oviamente tale prodotto é sconsigliato all'ipertiroideo), inducendo una stimolazione del ricambio generale, aiuta a bruciare l'eccesso di calorie, il Fucus svolgendo un'azione atta alla perdita del peso corporeo.
Ottima azione nel combattere gli inestetismi della cellulite.
www.dionso.it

Non fare assumere:
* In gravidanza.
* Nei disturbi cronici del tratto gastrointestinale, come ulcera duodenale o gastrica, reflusso esofageo (reflux esophagitis), coliti ulcerose, coliti spastiche, diverticolite, diverticolosi.

Valutate il vostro paziente se:
* L'impiego avviene per scopi terapeutici e non produce un miglioramento entro due settimane. Ci possono essere cure pi? sicure ed efficaci.
* Assume farmaci fra cui aspirina, lassativi, rimedi per tosse e raffreddore, antiacidi, vitamine, minerali, aminoacidi, integratori, altri farmaci che richiedono ricetta medica o che non la richiedono.

Gravidanza:
* Non si riscontrano effetti collaterali nella gravidanza per assunzioni di piccole dosi. Ma la possibilit ?di complicazioni esiste. ? consigliabile l'uso sotto prescrizione medica.
Allattamento:

* Nei neonati allattati da madri che prendono piccole o normali dosi nessuna complicazione ? stata dimostrata. Ma la possibilit ?di complicazioni esiste.? consigliabile l'uso sotto prescrizione medica
http://www.dica33.it/servizi/vitamine/piante/fucus/contents.htm

Fucus vescicolosus è un'alga bruna, importante come fertilizzante ricco di carbonato di potassio, adatta in particolare alla coltivazione della patata. Si tratta di un'alga marina ricca di iodio, pertanto è indicata in tutti i casi di deficit tiroideo, estrema stancabilità associata a gozzo, obesità e cellulite. Inoltre è ricca di sali minerali e oligoelementi per cui si può considerare un valido rimineralizzante ed un concentrato di mucillagini di mare: per questo, oltre a stimolare validamente l'intestino, Fucus vesc. rappresenta un'ottima fonte di alginati per l'industria alimentare, tessile, farmaceutica e cosmetica.
http://www.natsabe.it/catalogo/scheda.asp?ID=10000064

L'alga fucus è un tipo di alga bruna che costituisce, insieme al genere 'Laminaria', la divisione 'Phaeophyta': tutte le alghe facenti parte di questa divisione vengono anche dette 'goémon'.
Il goémon viene raccolto essenzialmente sulle coste atlantiche (in particolare su quelle francesi) e a ciascuno è concesso prendere quello che il mare rimanda sulla riva. Il primo accenno alla raccolta di queste alghe e al conio di questo termine si ha in un testo della prima metà del XVI secolo, 'Documenti originali della vita di Sant'Ivo', il santo eletto poi a patrono dei legulei.
La prima vera ordinanza che riguarda la raccolta delle alghe sulle coste francesi è dell'agosto 1681: fanno seguito le dichiarazioni del re del 30 maggio 1731 e del 30 ottobre 1772. Ma la vera ortografia goémon compare dopo la Rivoluzione francese nella legge del 18 termidoro anno X. È l'articolo 108 del decreto del 4 luglio 1853, che consacra definitivamente per la legge e per la cultura il nome bretone: "Le diverse erbe marine conosciute sotto il nome di varech, sart o goémon sono classificate per la legge...". Da allora i decreti posteriori hanno adottato questa denominazione e regolano la modalità di raccolta, che è libera per le alghe spiaggiate mentre è soggetta a legislazione ben precisa per il goémon da taglio: nasce così sulle coste bretoni l'insolito mestiere di goémonier, cioè di pescatore di goémon.
http://www.erboristeriedelladda.it/magazine.php?azione=art&art=514&cat=42